Idee per un corso avanzato su Archimista

Sto pensando (me lo hanno anche già chiesto in realtà) di organizzare un corso “avanzato” su archimista.

Ne ho iniziando a discutere sul forum archiviando ma lo ripropongo qui.

Avanzato fra virgolette perché da un lato lo immagino come corso assolutamente non base, non si parla di uso di archimista ma di personalizzazione etc. Dall’altro è avanzato quanto possono essere le mie conoscenze, quindi non moltissimo.

Scrivo qui per sentire
a) se pensate possa essere un corso utile
b) idee sugli argomenti
c) idee su come organizzarlo

Argomenti che mi vengono in mente:
– installazione di archimista e archimistaweb su linux e mac
– i vari tips di cui ho parlato qui
– struttura del db di archimista e come operare direttamente su di esso
– costruire (insieme) piccoli script che facciano qualcosa su archimista
– come personalizzare archimistaweb (grafica, home etc)
– come includere campi non previsti in archimistaweb
– come modificare i report in archimista

boh questi mi vengono in mente e forse sono pure troppi.

Come organizzarlo… anche qui sono molto in dubbio. Da una parte questi corsi si prestano bene a essere in modalità e-learning, con più tempo per provare le cose etc.
Dall’altro vedo che a volte è necessaria la presenza per illustrare “de visu” come si fa una cosa. Ma forse a questo limite si può ovviare con teamviewer?

Idee, suggerimente, opinioni?
E’ una c….ata ed è meglio se lascio perdere e quel poco che so me lo tengo per me?

Archimista tips & tricks #13: copiare o selezionare le cartelle contenenti gli oggetti digitali di un fondo (script)

Questa è una situazione classica, tanto è vero che è stata chiesta spesso nel forum: quando si esporta in AEF vengono esportati i soli dati (link etc) degli oggetti digitali, non le immagini stesse.

Queste rimango nella directory delle immagini di Archimista e se si vuole copiare anche queste l’operazione va fatta a mano. Recita il vetusto (ma in questo ancora valido) manuale:

Si ricorda inoltre che degli oggetti digitali vengono esportate le informazioni (associazione con l’entità, indirizzo, titolo, descrizione), ma non il file stesso che dovrà essere copiato a mano nella directory predisposta per ospitare gli asset digitali (di default digital_objects all’interno di application/public).

E la procedura secondo me funziona abbastanza nel senso che di solito ha senso copiare le immagini solo alla fine, non serve portarsele dietro sempre nel file AEF (un po’ come quando si scrive in word e sarebbe cosa buona e giusta non incorporare le immagini ma tenerle separate).

Ma anche qui c’è un ma. E’ tutto molto bello finché sulla macchina abbiamo un solo fondo. Certo con un solo fondo tutto ciò che sta dentro a digital_objects pertiene a quel fondo. Quando i fondi diventano 50, di cui 30 hanno immagini (centinaia di immagini) collegate ecco che diventa un filo (eufemismo) complicato riuscire a sapere quali cartelle fra le migliaia presenti in digital_objects copiare.

La soluzione ottimale sarebbe poter scegliere in fase di esportazione se includere nel file AEF anche le immagini (intesi proprio i file) che così verrebbero copiati automaticamente in fasi di importazione. Nell’attesa di un’eventuale miglioria in tal senso ecco uno script che risolve questa situazione.

Lo script seleziona tutti gli oggetti digitali collegati a un fondo (ai suoi sottolivelli e alle unità che compongono il fondo) e elenca le cartelle in cui sono o copia direttamente queste cartelle in una destinazione a piacere. Come funziona?

Continua a leggere

Archimista tips & tricks #12: generare automaticamente le segnature (script)

Un’utile funzione di Archimista è quella di generare automaticamente la segnatura definitiva a partire dai campi busta e fascicolo.

Una delle richieste più comune da parte degli operatori sul campo è quella di poter applicare questa funzione su un intero fondo e quella di poter cambiare le etichette usate per busta (b.) e fascicolo (fasc.) eventualmente anche per forzare l’utilizzo nei casi in cui non ci sia una busta in gioco.

Ecco un semplicissimo script che fa proprio questo. Come funziona? Continua a leggere

Archimista tips & tricks #11: caricare automaticamente immagini in Archimista

Uno dei miglioramenti più significativi di Archimista 1.2 rispetto alla versione 1 e 1.1 è nella gestione delle immagini digitali.

Infatti ora è possibile caricare più immagini digitali contemporaneamente. Ossia posso con una sola operazione attaccare diverse (1000, 800… milioni, numeri che fanno girare la testa cit Ingegner Cane) immagini a una singola unità. Ad esempio posso caricare 800 pagine di un registro collegandole alla relativa unità.

Tutto molto bello (e direi che questa funzionalità è ben fatta… e  detto da uno che si lamenta sempre… ;-) ), ma c’è un MA…

Ma spesso la digitalizzazione e la descrizione non avvengono contemporaneamente e in caso di grossi fondi diventa una pena riaprire la singola unità, andare in inserisci immagini, selezionare tutte le immagini, aspettare che carichi le immagini e generi le derivate e ripetere questo processo per tutte le unità nel fondo.

Ecco il caso concreto: qui all’ente per cui lavoro stiamo descrivendo e digitalizzando la serie affari di P. Tacchi Venturi SJ. Una serie molto importante, come si può facilmente immaginare, composta da circa 2700 unità.

Abbiamo affidato questo gravoso compito al bravo archivista Sergio Palagiano, già responsabile per noi dell’inventario Roothaan.

Oltre a dover descrivere e ordinare le 2700 unità dovrà anche digitalizzare i 5 metri lineari di materiale. Capite che se da un lato sarebbe molto utile e di impatto poter includere le immagini in Archimista per poi vederle in ArchimistaWeb, dall’altro risulta eccessivamente gravoso associarle a mano per 2700 unità.

Per fortuna questo lavoro sarà svolto da questo script . Come funziona? Continua a leggere

Archimista tips & tricks #10: installare Archimista su Mac [OS X 10.6 e oltre]

Eccoci qui, credo che questo post sia stato atteso dal rilascio di Archimista nell’aprile del 2012.

Scusate il ritardo ma non ho mai avuto un Mac, infatti questa guida è in buona parte merito anche delle colleghe Simona Cometti e Antonella D’Antoni. La prima non si è arresa alle difficoltà di installazione e ha portato avanti una discussione su archiviando in cui si sono toccati i vari passi di installazione, nonché ha creato una prima guida da cui questa trae spunto. La seconda si è prestata a testare questa guida installando Archimista con successo su Maverick.

Dati i giusti meriti ecco la guida
https://www.dropbox.com/s/r22a818ok5jdd … c.pdf?dl=0

Ogni feedback è benvenuto

Archimista tips & tricks #9: installare ArchimistaWeb su linux [ubuntu 14.04]

Al convegno Bibliostar 2014 è stato presentato ArchimistaWeb (si veda sul forum archiviando le slide e la registrazione degli interventi a cura di Sergio Primo Del Bello), contemporaneamente Codexcoop ha rilasciato i sorgenti dell’applicativo.

ArchimistaWeb è – come il nome suggerisce – il modulo di pubblicazione delle banche dati archivistiche redatte con Archimista.

In un altro post sintetizzerò le impressioni che ho avuto provando questo nuovo, atteso (e utile) modulo, qui invece qualche appunto su come installarlo: Continua a leggere

Archimista tips & tricks #8: installare Archimista server su linux (reload) [ubuntu 14.04]

Uno dei miei post più letti su Archimista è quello relativo all’installazione su server linux (in particolare ubuntu 12.04).

Quel documento è in parte superato in modo specifico per l’ultima versione di ubuntu 14.04 uscita di recente. Ad esempio ruby 1.8.7 non è più incluso tra i pacchetti disponibili visto che, come segnalavo, non è più supportato. Se avete installato ruby1.8 in una versione precedente di ubuntu all’aggiornamento vi chiederà di disinstallarlo.

Inoltre le ultime versioni di alcune gemme non sono più compatibili con ruby 1.8 sicché bisogna specificare la versione da installare in modo che sia compatibile.

A grandi linee i possaggi che ho seguito per installarlo su ubuntu 14.04 sono: Continua a leggere